Anche quest’anno ritorna “Il Mercato di Palazzo Monsignani”, arricchito di interventi e spettacoli che accompagneranno i visitatori per tutta la giornata. Sarà un vero e proprio momento di festa dedicato al mondo agricolo. L’iniziativa dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero di Imola che è stata pensata per dare visibilità ai suoi affittuari/produttori quale segno di attenzione ai suoi agricoltori, alla nostra campagna e per un acquisto a “chilometro zero”, è un esempio concreto di economia solidale che riporta ad un nuovo modo di intendere il rapporto tra proprietario e affittuario. Ciò, attraverso un’inedita alleanza per la valorizzazione delle realtà agricole del nostro territorio da una parte, e la promozione degli strumenti per il Sostegno Economico alla Chiesa (offerte per i sacerdoti ed otto per mille) dall’altra, attraverso la disponibilità degli agricoltori partecipanti a destinare un’offerta per i sacerdoti, con parte degli incassi realizzati durante la giornata. Nell’ottica di proporre un mercato completo di tutto quanto occorre in cucina, sono stati invitati quattordici affittuari dell’Idsc di Imola oltre a due produttori ospiti, un’azienda affittuaria dell’Idsc di Faenza ed un’azienda agricola di proprietà dell’Idsc di Forlì oltre al pastificio Bottega Antichi Sapori, pregevole iniziativa della parrocchia della Collegiata di Lugo. Al Mercato di Palazzo Monsignani sarà possibile comprare di tutto: dalle verdure fresche ai prodotti agricoli trasformati, così come sarà possibile mangiare a passeggio o all’interno di un gazebo appositamente installato, prodotti cucinati quali lasagne, cappelletti, spezzatino, affettati, formaggi, piadine, dolci, biscotti e tanto altro ancora, il tutto accompagnato dai buoni vini delle nostre campagne. Ad allietare la giornata è previsto un nutrito programma di incontri e momenti musicali, oltre ad una mostra dei frutti dimenticati. Nella mattinata è prevista la visita guidata ad alcune sale del palazzo Monsignani, aperte per l’occasione. Nel pomeriggio, dalle ore 16, saranno distribuite castagne e vin brulè a tutti i partecipanti a cura del Gruppo Alpini di Imola e Val Santerno. Infine è sempre bene ricordare che, per il meccanismo previsto dal nuovo sistema di sostegno economico alla Chiesa in Italia, più sono le offerte per i sacerdoti raccolte, più disponibilità dall’otto per mille saranno destinate per le altre finalità previste, “Esigenze di culto della popolazione” e “Carità in Italia e nel Terzo Mondo” e pertanto, fare la spesa al Mercato di Palazzo Monsignani, è anche un modo per “Sovvenire alle necessità della Chiesa”. Una spesa intelligente, frutti e valori del nostro territorio.