Dal 17 al 24 maggio tornerà, nel cortile del palazzo vescovile, la pesca di beneficenza per le missioni e noi volontari del Centro missionario siamo già al lavoro. Lo scorso anno, dopo l’interruzione del 2018, la pesca si è svolta in una settimana piovosa, che certo non incoraggiava la gente ad uscire ma, nonostante questo, la generosità degli imolesi e la loro devozione alla Beata Vergine del Piratello ci hanno consentito di raggiungere i nostri obiettivi. Con le offerte raccolte con la pesca abbiamo potuto aiutare la comunità Papa Giovanni XXIII che ad Imola accoglie persone in difficoltà, e la missione in Tanzania delle nostre Piccole Suore di Santa Teresa. Quest’anno vogliamo sostenere ancora le Suore di Santa Teresa per le loro attività di assistenza alle famiglie disagiate del territorio imolese e un altro progetto missionario. Come abbiamo già detto, noi siamo all’opera e nei prossimi giorni chiederemo l’aiuto dei nostri concittadini e delle nostre attività commerciali, perché ci offrano oggetti nuovi da mettere in premio. Chi vuole aiutarci può contattarci al Centro missionario diocesano (via Emilia 69) o telefonicamente al 0542 27129 (tutti i giorni, ore 9-12) oppure rivolgersi ad Enrico (388 0281022). Premi si, ma non solo: chiediamo anche la collaborazione di volontari: una settimana di pesca è lunga. Che dire? Vogliamo fare una bella pesca, per la nostra Madonnina e poi per fare bella figura con il nostro vescovo. Aiutateci! Grazie.

(Articolo scritto da Enrico Gurioli del centro missionario per il numero 6 del settimanale diocesano Il Nuovo Diario Messaggero)