Aviat, da sempre al fianco dei più bisognosi, ha lanciato l’iniziativa “un container di solidarietà”: una raccolta di alimenti che verranno distribuiti nelle missioni africane in programma a novembre.
«Fino a metà settembre stiamo raccogliendo riso, pasta, tonno, olio, pomodoro – spiegano da Aviat -. Poi il 4 settembre i volontari di Aviat saranno presenti presso 3 supermercati tra Dozza e Imola: il Lem di Toscanella, a Imola il Famila di via Pirandello e il Sigma di via Punta, per raccogliere alimenti che, chi vorrà, potrà donare». Questa iniziativa è in atto anche a Cassino e Caserta da parte di altri volontari dell’associazione. Se qualcuno al di là di queste date desidera portare alimenti può contattare il 335 8097869. «Parliamo di Covid, infezioni, contagi, green pass… Troppo poco si parla di Africa, di un mondo in cui «la pandemia creerà catastrofi», di un mondo che non può permettersi di curarsi – afferma Gian Franco Mirri, presidente Aviat -. In Togo le notizie che ci giungono ci raccontano che i contagi ci sono, ma in numero limitato e solo nella capitale, mentre nei villaggi la vita continua nelle difficoltà di un’agricoltura di sussistenza, di una endemica difficoltà di accedere ad acqua buona, di una salute precaria e povera. È la fame che sta creando i maggiori problemi: aumento del costo degli alimenti, contrazione delle piccole attività commerciali».