Era il 24 ottobre 2021 quando il cardinale imolese Mauro Gambetti presiedeva il rito con la solenne apertura della Porta Santa della cattedrale. Oggi, a quasi un anno di distanza, si chiude l’anno giubilare diocesano indetto per il 750° anniversario della dedicazione della cattedrale al santo martire Cassiano.
A presiedere la celebrazione il cardinale Matteo Maria Zuppi, arcivescovo metropolita di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana. «Il giubileo è una grazia, è una grazia l’opportunità di chiedere di cambiare – ha ricordato il cardinale Zuppi durante l’omelia -. Ci aiuta a riscoprire questo luogo (la cattedrale), questo luogo importante perché contiene la cattedra del vescovo che presiede, nella comunione, la Comunione. Siamo noi pietre vive e lo sono i nostri fratelli che sentiamo vicini nella Comunione. Ognuno di noi in questa casa di comunione vive la comunione con chi è in cielo. Personalmente non posso non ricordare don Luca (Dalfiume, ndr). La nostra comunione è l’unica cosa da difendere. Affiniamo il nostro cuore e la nostra mente al bene comune. Preoccupandoci degli altri e non solo di noi stessi. Ecco cosa chiede a noi oggi questa cattedrale. Teniamo il cuore pulito da tutto ciò che non ci fa vedere il Signore e gli altri».

Le foto della celebrazione. Servizio fotografico Isolapress